Puglia
La guida delle città su smartphone
completamente GRATUITA

Meraviglie di Puglia con Alberto Angela (2° appuntamento)

Immagine di Meraviglie di Puglia con Alberto Angela (2° appuntamento)

17 ottobre alle h. 21:45 su RAITre

ULISSE  -  Il Piacere della scoperta

Alberto Angela presenterà il secondo appuntamento con le «MERAVIGLIE DI PUGLIA» tra stupore e meraviglia sempre crescenti.

Ad esempio il “mare pugliese”.
Per chi ha la fortuna di risiedere nella nostra regione e per chi invece è venuto a visitarla ed a trascorrere l’estate al mare non ha certamente notato che una delle caratteristiche della regione pugliese è proprio quella di essere circondata da circa 800 Km di costa, tutte accessibili ma soprattutto tutte da ammirare.
Esse sono tra loro contrastanti in dislivello ed in colore. Infatti alcune coste si presentano come aspre e rocciose che vanno a picco sul mare (come nella Capitanata), oppure larghe spiagge sabbiose ma nere (note come «le sabbie nere di Zapponeta») o ancora vere e proprie riserve marine in cui si cerca di preservare l’ecosistema intatto in quanto ricca di fauna marina diversificata e luogo scelto da molti uccelli acquatici per la riproduzione (come la «Riserva naturale di Torre Guaceto» nel brindisino). Infine impossibile non restare abbagliati dalle spiagge salentine composte da sabbia finissima e molto chiare (oggi rinominate come le «Maldive del Salento»).

E' grazie ad Alberto Angela che si conoscerà meglio "il Salento" e le sue bellezze architettoniche, naturali e folkloristiche che vengono proposte ai turisti ma che inconsapevolmente, si vorrebbe celare.

Nella seconda tappa del viaggio del 17 ottobre in Puglia si aprirà lo scenario nella città da Lecce, in cui si “respira” tra i vicoli e le costruzioni religiose e nobiliari l' "arte meravigliosa del barocco". Non c'è da stupirsi se tra palazzi, chiese e strade spunta proprio nella piazza principale, i resti di un  anfiteatro romano ricco di vicissitudini storiche. Oltre alla lavorazione della "pietra leccese" così bianca e dura c'è anche un antico mestiere che è giunto sino a noi, cioè l’arte della lavorazione della cartapesta usata per le statue di santi portati in processione.

Poi sarà la volta della Basilica di Santa Caterina d’Alessandria, nella città di Galatina, che rappresenta uno dei tesori più preziosi della zona, poichè grazie agli affreschi di somiglianza giottesca sembrerà di visitare Assisi. Questi affreschi decorano le pareti e il soffitto della chiesa rendendola unica nel suo genere nel territorio pugliese.

Oltre alla parte artistica, Alberto Angela non mancherà di puntualizzare uno degli appuntamenti più seguiti della tradizione musicale locale e folkloristica: «La Notte della Taranta» che si svolge sempre a Galatina in occasione della festa di San Pietro e Paolo.

Si narra che tanto tempo fà nel periodo estivo in cui gli uomini e le donne raccoglievano il grano in covoni una ragazza fù "pizzicata" da una tarantola. Ella iniziò a sentir dolore e a dimenarsi e febbricitare. Allora si pensò che trovando una giusta combinazione di suoni si dovesse invogliare la ragazza a ballare e sudare fino a quando il veleno non uscisse fuori dal corpo.
Ecco perchè nella kermesse musicale locale si propongono la "taranta", la "pizzica" o la "taranta pizzicata" in cui lo strumento principale è il "tamburello" (uno strumento povero ma molto diffuso nel salento).

Ma il “viaggio di Ulisse” non termina qui. Si parlerà anche delle tante grotte marine scavate dalle onde tra cui la celebre «Grotta di Zinzulusa» e anche delle città baciate dal mare cristallino più famose nel mondo, come la città di Gallipoli e soprattutto quella di Santa Maria di Leuca (conosciuta anche come «Tacco d'Italia»).

Da un punto di vista gastronomico di parlerà dell' «oro verde» diffuso in tutta la regione pugliese tanto che se ne contano più di 50 varietà prodotte tra cui, in questo caso, si ricordano le "Picholine", la "Simone", la "Oliastro" (del brindisino); il "Leccino", l' "Ogliarola Salentina", la "Favolosa" e la "Cellina di Nardò" (nel salentino).

Infine sarà immancabile l’ultima tappa nella città di Taranto (di stampo spartano e militare) e del suo prezioso tesoro chiamato "Marta" ossia il Museo Archeologico, dove sono custoditi preziosi reperti che si distinguono per raffinatezza e perfezione.
In questa città si sottolinea l'imponenza delle fortezze sulla riva del mare e di altre strutture dell'entroterra tinte di narrazioni, di miti e leggende che ancora oggi arricchiscono la nascita della città stessa ed il suo sviluppo successivo.



Partners

Camera di
Commercio di Bari
Provincia
di Bari
CNA di Bari
Comune di
Bari
Comune di
Gioia del Colle
Comune di
Putignano
Comune di
Sannicandro di Bari
Comune di
Palo del Colle